Jodhpur 2015


Un articolo sulla città blu di Jodhpur (la mia seconda volta, la prima la trovate qua…. non è decisamente cambiata!) che in realtà parla di tutt’altro, parla dei ritorni, del perché tornare in un luogo già visitato.
Assisto, purtroppo, alla vomitevole spettacolarizzazione del viaggio; una gara senza senso a riempire il planisfero di bandierine come in un risiko impazzito: vedo persone che dopo 3 giorni a Mosca ti parlano da esperti di una nazione grande quanto 2 continenti, persone che per uno scalo di 12 ore a Pechino dicono di aver visitato la Cina e ti parlano di che popolo incredibile quello sia; persone che dopo 3 giorni di shopping natalizio a New York pontificano sugli Stati Uniti; persone che sono state 2 settimane con un tour organizzato in India e ci scrivono su libri o saggi. Io, dopo la terza volta in India, qualche amico indiano conosciuto lungo il cammino e con i quali mi sento regolarmente, un centinaio di giorni per strada e ben oltre 15mila chilometri tra bus, treni e tuk tuk ancora, gli indiani, proprio non riesco a capirli! 🙂 Mi sento un ritardato.

Il viaggio è sacro, sempre, non è la distanza o la meta o il numero di mete a renderlo tale ma lo spirito e le motivazioni per cui si decide di partire, lasciando affetti ed agi lontani.
A Jodhpur, nel 2011, avevo scattato molte foto ad i figli della famiglia che mi ospitava, con la promessa, al mio rientro, di fargliele avere in qualche modo. Promessa che, vuoi per la nausea che ebbi per l’India al mio rientro, vuoi per colpe personali mie, non ero mai riuscito a mantenere. Qualche giorno prima di partire sono andato da un fotografo e finalmente, quelle fotografie, le ho fatte stampare. Non potete immaginare l’ emozione. Mentre le mettevo nello zaino per partire, ripassavo mentalmente la strada per raggiungere la loro casa, pensavo alla loro reazione e se il vecchio capofamiglia si ricordasse, anche vagamente, dei giorni passati insieme 4 anni prima. Una volta arrivato nei pressi della loro casa, vengo avvicinato da un ragazzo di circa 15/16 anni, parla un buon inglese e con modi molto gentili mi invita a vedere la sua collezione di banconote, con lo stesso tatto ed educazione con cui mi aveva invitato suo padre 4 anni prima. Lo lascio parlare, lo osservo e godo nel ritrovare i modi gentili del genitore; quando finisce di mostrarmi la collezione, lo interrompo chiedendo se quella fosse la collezione di suo padre. Mi guarda sorpreso e quasi pietrificato allo stesso tempo, mi chiede come facessi a saperlo; gli spiego la storia e gli parlo di quell’agosto 2011 quando conobbi suo padre e gli detti le banconote da 5 e 10 euro presenti nella sua collezione in cambio di qualche giorno di ospitalità. Suo padre se ne è andato soltanto 1 mese dopo la mia partenza, nel settembre 2011 e, da allora, è lui che provvede alla famiglia. Per cercare di sdrammatizzare la situazione, tiro fuori dallo zaino le fotografie di quei giorni, le guarda e mi dice chi sono i bambini ritratti, cugini e vicini di casa. Mi chiede se può tenerle per darle alle persone ritratte; non desideravo altro. Ci salutiamo con una stretta di mano ed un po’ di malinconia mista a felicità.

Una delle esperienze di viaggio migliori della mia vita, che non ha agginto nessuna bandierina al mio personale planisfero ma un tassello indelebile nell’album dei ricordi.

Annunci

27 risposte a “Jodhpur 2015

    • Ci sono piccole, brevi occasioni che ti resteranno nella memoria per sempre e sono quelle che danno un senso a tutte le notti in treno, i soldi spesi, le feste passate lontani dalla famiglia, ai viaggi in senso generale 🙂

    • Ciao Paola! Ci sono Paesi, piccole città o persone incontrate, con le quali senti di avere qualcosa di aperto, qualcosa in sospeso e queste di jodhpur erano le prime della lista (non le uniche purtroppo). E’ stato bello, oltre ogni aspettativa, ben oltre il piantare l’ennesima bandierina su un planisfero 😉

    • Il bisogno di dimostrare qualcosa o forse solo il bisogno di considerazione da parte di qualcuno, anche un semplice sconosciuto su un social, sta seriamente facendo perdere il lume della ragione a molti….. ormai è soltanto una sfida a chi ce l’ha più lungo 😀

      • uhahuahuahuhuahuahua….. sfortunatamente hai ragione…..
        l’era del consumismo…. il dio denaro…. l’apparire….. 😦

  1. Il vero viaggio è stare con la gente, rendersi partecipe del loro universo respirare una diversità che ti cattura come un vortice sino ad immedesimarsi. Vivere la loro stessa condizione. Il viaggio non è un film che scorre passivamente limitandoti ad osservare. E’ un continuo. interagire riflettere porsi domende e mettersi continuamente in discussione Non è per tutti è un qualcosa che è dentro di te e la tua voglia di rapportarti.

    • Non è facile, ci si prova ma più avanti vado e più mi rendo conto di avere un’ enorme necessità di tempo a disposizione. Sento di essere arrivato ad un punto in cui soltanto avere maggior tempo a mia disposizione puo’ rendermi un viaggiatore ed una persona migliore. Ci sto lavorando su per ottenerlo 🙂

  2. Hai saputo trasportare nelle parole le sensazioni, le emozioni che questo secondo viaggio ti ha trasmesso.
    Anche se le immagini sono zero, le tue parole suscitano emozioni. Si capisce bene qual’è lo spirito che ti porta a viaggiare.

    • E’ stato bello, non lo nascondo. E’ stata l’ultima tappa di questo viaggio, avevo una busta in cui avevo racchiuso le fotografie ed ogni giorno la guardavo, come in un conto alla rovescia, aspettando di liberarle. Liberarle da quella busta e farlo nel loro “luogo naturale” è stata un’esperienza a dir poco gratificante; quelle fotografie hanno finalmente avuto un senso.

  3. L’ha ribloggato su apoforetie ha commentato:
    vedo persone che dopo 3 giorni a Mosca ti parlano da esperti di una nazione grande quanto 2 continenti, persone che per uno scalo di 12 ore a Pechino dicono di aver visitato la Cina e ti parlano di che popolo incredibile quello sia; persone che dopo 3 giorni di shopping natalizio a New York pontificano sugli Stati Uniti

    • Ciao Irene! Sono quei piccoli episodi a ” costo zero” che nessun tour operator potrà mai venderti. Quelle fotografie, nel mio PC, erano come animali nella gabbia di uno zoo….. Non erano nel loro luogo naturale! 🙂 pensare che adesso siano sparse nelle case delle persone ritratte ha fatto sentire anche me nel posto giusto…. Magia dei viaggi 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...