Bromo Tengger Semeru National Park (da Surabaya)


Una delle tappe più attese di questo viaggio, una di quelle per cui niente avevamo organizzato ma dalla quale ci aspettavamo davvero molto, sicuramente quella che, insieme al il Kawa Ijen di cui vi parlerò poi, è riuscita a soddisfare le nostre altissime aspettative.

La visita al Bromo ha solitamente 2 principali punti di partenza: Yogyakarta oppure Surabaya, noi proveniendo dal Kalimantan, abbiamo preferito (e dovuto, a causa dei pochi voli a disposizione) partire da quest’ultima.

Se decidete di partire anche voi da qua, ci sono un paio di accorgimenti secondo me utili di cui tenere conto:

Surabaya è una città enorme (molto più di quanto ci fossimo immaginati) e congestionata dal traffico, per attraversarla potreste anche aver bisogno di diverse ore, il nostro consiglio è quindi (se la usate soltanto come base per visitare il Bromo) di non prenotare alberghi in centro. Noi abbiamo fatto questo grande errore credendo di poter così trovare più facilmente delle agenzie di viaggio con cui organizzare il nostro tour, niente di tutto questo. Tutte le agenzie si trovano nella zona della stazione dei Bus di Purabaya, a sud-est della città, vi consiglio di cercare un hotel in questa zona. Noi abbiamo dormito una notte all’ Hotel88 (http://www.hotel88.co.id/index.php), un ottimo hotel trovato a prezzi stracciati (12euro a camera) su Agoda: pulito, camere spaziose, ottimo wi-fi ma, nonostante questo, un hotel inutile: qua soggiornano soltanto giapponesi con tour organizzati! il personale di servizio quando abbiamo chiesto informazioni per agenzie di viaggio, mezzi di trasporto e informazioni varie ci guardava stralunato. La mattina siamo fuggiti a gambe levate verso la stazione di Purabaya e preso il primo bus in direzione Probolinggo (2 euro, durata 2 ore, prima partenza alle 08.00AM).

Una volta arrivati a Probolinggo non avrete problemi a trovare un’agenzia di viaggi (anche perchè il bus vi ci scarica direttamente dentro 😀 ) per organizzare un tour o comprare i biglietti del bus per Cemoro Lawang.

I tour classici che vengono proposti sono 3giorni-2notti, con visita al Bromo + Kawa Ijen, personalmente ritengo sia un massacro, non ci sono tempi di recupero e l’escursione, specialmente quella del Kawa Ijen, è veramente faticosa. La nostra idea iniziale era di fare 5giorni-4notti, soluzione che non avevamo trovato in rete se non a prezzi folli, l’idea inizale era quindi di comprare solo i biglietti del bus ed organizzare poi per conto nostro. In agenzia siamo riusciti a contrattare invece una soluzione diversa: utilizzare i minivan dei tour da loro organizzati senza poi ripartire con il gruppo ma aggregandosi a quello del giorno successivo. Il costo totale è stato di 125 euro a persona mettendoci dentro: trasporto da Probolinggo a Cemoro Lawang, 2 notti con sola colazione e 2 escursioni al Bromo con tassa d’ingresso, trasporto da Cemoro Lawang al Kawa Ijen  (1 notte con colazione e escursione al Kawa Ijen con tassa d’ingresso, con possibilità di comunicare sul momento l’eventuale seconda notte), trasporto dal Kawa Ijen ad Ubud, compreso di biglietto del traghetto per Bali. Organizzando in autonomia probabilmente avremmo risparmiato qualcosa ma così facendo abbiamo risparmiato circa 2 giorni sulla tabella di marcia che avevamo stilato inoltre, nei pressi del piazzale all’entrata del Kawa Ijen, non abbiamo visto mezzi pubblici nè in arrivo nè in partenza (confermato poi da una coppia americana che tentando di fare tutto con i mezzi pubblici ha poi dovuto spendere 90$ soltanto di taxi per tornare a Bali).

Il paese di Cemoro Lawang è ancora, incredibilmente, poco sviluppato rispetto alla massa di turisti che accoglie, le strutture alberghiere sono poche ma di buona qualità, noi abbiamo pernottato la prima notte all’ Houstel Pondok Wisata ( http://www.hosteladasbromo.com ), la seconda al Cemara Indah Hotel ( info.cemaraindahhotel@gmail.comhttp://www.cemaraindahhotel.com ) entrambi ottimi ma il Cemara Indah ha una terrazza privata con veduta sul Bromo……; le homestay invece si stanno moltiplicando ma la qualità lascia ancora parecchio a desiderare. I ristoranti sono per la maggior parte all’interno degli hotel, ci sono comunque piccoli negozietti per comprare cioccolate, patatine e bibite più un paio di ristoranti niente male ed a prezzi davvero irrisori (2/3 euro a persona).

Per vedere il Bromo all’alba ci sono a disposizione 2 punti panoramici, entrambi sul monte Penanjakan, che raggionge i 2770 metri e quindi sovrasta il Bromo (2392m): il più alto si trova proprio sulla cima, sotto i ripetitori e si tratta di un’enorme terrazza delimitata da ringhiere; nonostante sia molto grande, fa fatica a contenere la massa di turisti che arrivano da Cemoro e se non riesci ad essere in prima fila, ti godi ben poco del panorama che offre. Piccola parentesi sul turista italiano. L’italiano, se riesce ad arrivare in prima fila, non molla più il posto. Alla faccia del rispetto per gli altri turisti, l’italiano (ed in parte i “simpaticissimi” cugini spagnoli) s’incatenano alla ringhiera e anche se non scattano fotografie, non guardano il panorama e non fanno niente di niente, se ne stanno li a parlare mentre il resto del mondo si da il cambio e permette a tutti di assistere allo spettacolo. Beata civiltà. La giusta alternativa per poter ovviare a questo problema (si, facciamocene una ragione, il turista italiano è un problema) è fermarsi al punto di osservazione più in basso (circa 200 metri) qua non ci sono delimitazioni e ci si puo’ tranquillamente sedere lungo le pendici della montagna, secondo me, nonostante sia più in basso, è anche migliore in quanto più vicino alla caldera.

ww_DSC01233

Anche per raggiungere questi 2 punti di osservazione avete 2 alternative: o una jeep o i vostri piedi. Per quanto riguarda la prima soluzione, se avete fissato un tour, sicuramente sarà compresa nel prezzo. Nel caso invece arrivaste a Cemoro senza aver fissato niente, non vi preoccupate, basterà uscire la notte verso le 03.00AM e guardarvi intorno, troverete sicuramente un passaggio. Il costo a persona è di circa 8 euro, durata 4 ore, e prevede il pick up fino al punto panoramico, la visita alla caldera del Bromo ed il ritorno a Cemoro. Nel caso invece optaste per la seconda scelta, c’è un sentiero proprio accanto all’hotel Cemara Indah Hotel (tra il primo ed il secondo check point) che vi permetterà di raggiungere il primo dei point view (quello più in basso) in circa 1 ora di cammino. Tenete conto che l’alba, in agosto, è alle 5.15am circa, pertanto vi consiglio di partire da Cemoro al massimo alle 3.00/3.30am.

Il buio quando sarete sulla montagna è totale (portatevi una torcia).

L’attesa dei primi raggi del sole ad illuminare il complesso di vulcani, per quanto possa sembrare banale, è qualcosa che ti resta dentro, ti senti come a teatro, in attesa che venga alzato il sipario per poter godere di uno spettacolo unico. Se siete appassionati di fotografia avrete 30 minuti di luce meravigliosa su un panorama altrettanto incredibile.

Finito lo spettacolo dell’alba ci si sposta alle pendici della caldera del Bromo. Lo spettacolo è decisamente meno affascinante, se siete in un tour organizzato non avete scelta ma se siete saliti al point view a piedi, vi consiglio di soffermarvi un po’ di più (alle 6 i tour organizzati se ne vanno) e godervi il panorama in santa pace. La caldera, se sopportate il caldo, potete tranquillamente visitarla durante la mattinata o nel pomeriggio. Noi, abbiamo deciso di salire sul cratere soltanto il primo giorno, anche perchè c’e’ una bella camminata in salita da fare, distanza che volendo, si puo’ coprire in parte a cavallo (al costo di 3/4 euro), il secondo giorno abbiamo approfittato delle nebbie per una camminata nel Mare di Sabbia, una distesa di sabbia vulcanica di colore grigio-nero che circonda il vulcano.

 

Annunci

19 risposte a “Bromo Tengger Semeru National Park (da Surabaya)

  1. Immagini suggestive e descrizioni puntuali e dettagliate. Da quando vi ho scoperti sono sempre rimasto afrfascinato da immagini e parole. Potreste scrivere un saggio sui viaggi semiorganizzati.

    • Non siamo abbastanza bravi.. e neanche abbastanza “social” per poterlo fare 😉 (a dire il vero, neanche ci interessa 🙂 ) A fine anno però ci siamo ripromessi di fare un libro delle nostre foto per potercele finalmente gustare su carta…. ogni volta rimandiamo a “dopo il prossimo viaggio” in attesa di scatti sempre migliori, solo che se non ci mettiamo una scadenza, moriremo con la voglia!

      • NO, vi sottovalutate. Siete ottimi fotografi, sapete cogliere l’istante che fugge, e descrivete con le parole le vostre sensazioni in modo piano e semplice.

      • Sempre troppo buono 🙂 Oggi tutti scrivono, fotografano, pubblicano, vendono…. anche noi siamo all’interno di questo circolo ma ci sentiamo sinceramente un po’ a disagio, questo diario, fondamentalmente, lo abbiamo fatto per svuotare i cassetti di casa dai mille depliant e biglietti da visita che accumuliamo dopo ogni viaggio 😀 niente più!

  2. Affascinante e suggestive le immagini, ma credo che essere lì tolga il respiro…vedere anta meraviglia!
    Incredibili quanto siano dettaglaite le tue informazioni, un’agenzia non lo è altrettanto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...