Halong Bay


Translate this post HERE

La Baia di Halong è una di quelle mete che mette decisamente in crisi chi ama viaggiare nel modo in cui lo facciamo noi: troppo turistica per avere qualcosa da trasmettere ma allo stesso tempo troppo bella e rappresentativa per essere ignorata. Abbiamo ceduto in extremis alla tentazione, era la nostra prima volta in Vietnam e ci sembrava un po’ come visitare l’Italia senza vedere Roma o Venezia perchè troppo scontate come mete, abbiamo quindi deciso, durante il nostro viaggio, di fare questo passo e procedere con le prenotazioni.

Le possibilità per prenotare una gita sono fondamentalmente 3:

on line, nell’albergo di Hanoi dove alloggerete oppure in una delle mille agenzie in città. L’opzione sicuramente più vantaggiosa è quella dell’agenzia, anche in altissima stagione riusciranno sempre a trovarvi un posto (i nostri timori di non riuscire a trovarne all’ultimo tuffo erano decisamente infondati) e, come per ogni altra cosa, i prezzi delle crociere sono contrattabili e variano dai 55$ fino ad arrivare a cifre ben più consistenti.

Praticamente certi che sarebbero state 48 ore di imprecazioni, abbiamo optato per l’opzione low cost, 55$ a persona comprensivi di: pick up dall’albergo e trasferimento a/r fino alla baia(3/4 ore di viaggio), una notte in battello, 2 pranzi, una cena, una colazione, kayak ed escursione alle grotte.

I presentimenti della gita fantozziana iniziano a diventare realtà appena arrivati in porto quando una bufera rischia di non farci neanche partire e prosegue quando, arrivati alla barca, vediamo che è esattamente lo stesso modello pubblicizzato sui depliant ma 30 anni più vecchio. Salpiamo in mezzo a raffiche di vento fortissime e dopo neanche mezz’ora siamo costretti ad attraccare in un baia al riparo;  qualcuno più temerario sfiderà la sorte senza fortuna e un’imbarcazione si capovolgerà, per fortuna (per le notizie che ci sono arrivate) senza vittime.

Per ragioni di sicurezza, passiamo la notte in un albergo sull’isola di Cat Ba per poi riprendere il viaggio la mattina seguente e rientrare ad Hanoi nel primo pomeriggio dove, imprecando un po’ in un improbabile inglese, riusciamo anche ad ottenere un rimborso di 20$ per gli imprevisti.

Difficile dare consigli su questa meta, ci sono mille buone ragioni per evitarla ed altre mille ottime per visitarla; l’unica cosa certa è che la Baia di Halong sarà esattamente come l’avevate immaginata: caotica, turistica, sfruttata e stupenda.

Annunci

44 risposte a “Halong Bay

  1. Sempre invidia per questa fortuna di viaggiare e visitare, al di là degli infortuni e imprevisti, luoghi davvero suggestivi. Grazie per le foto stupende. Isabella

  2. io sono stata ad Halong Bay l’anno scorso e l’ho trovata meravigliosa. quando sei sul tuo battello in mezzo alla baia, gli altri turisti e le altre barche non le vedi neanche. davvero imperdibile!

    • Il posto è sicuramente stupendo, magari perde un po’ d’interesse in quanto si è praticamente obbligati a farlo in modo organizzato e non in autonomia ma sicuramente, almeno la prima volta che si visita il Vietnam, è una meta da includere! 🙂

  3. Un pizzico di thriller non guasta mai, così si mette un po’ di pepe e peperoncino piccante nell’escursione. Belle le immagini, come sempre. Se non sbaglio assomigliano a diversi frame di film famosi (ne ricordo uno con sean Connery nelle vesti di 007) oppure sono in errore.

    • Per fortuna, nonostante il forte turismo, il suo fascino non è minimamente intaccato; l’unica cosa che mi fa perdere un po’ d’interesse è il non poterla visitare in autonomia… magari il modo esiste pure (anche se non ho trovato nessuna notizia in merito) ma sicuramente si dovrebbe avere un bel po’ di tempo per capire un po’ di dinamiche del posto…

      • Alcune volte l’auonomia nel viaggiare è la migliore soluzione. Nel mio piccolo non mi sono mai avvalsa del gruppo, del programma, certo se è inevitabile…

  4. non si puo perdere la baia pure se dopo aver salito infiniti gradini di cat ba (credo) la vista ti ripaga della fatica, e anche entrare nella grotta che poi ti porta dentro una piccola baia a sorpresa o camminare sotto grotte dai soffitti immensi, peccato per il turismo, probabile rovinerà questo posto, ma ci sono momenti solenni dove passi in mezzo agli scogli antichi: silenziosi, hanno molte cose da raccontare

    • Spero proprio che si preservi, la mia sensazione è che per adesso, nonostante la mole infinita di persone, stia reggendo bene il colpo (ho visto messa molto peggio angkor da questo punto di vista); quello che lamentavo io è più la mancanza di poterla visitare in autonomia che le fa perdere un po’ di poesia….. per il resto concordo con te, luogo incredibile…

    • Ciao Dario! Non conosco Lan Ha…. e questo è già un ottimo motivo per crederti 🙂 Sono partito dall’Italia già sapendo che Halong mi avrebbe in parte deluso, inoltre ho anche trovato condizioni non proprio ottimali e la frittata è stata fatta! 🙂 Sono sicuro avro’ la possibilità di rifarmi, non sarà stata la mia ultima volta in Vietnam! Tu ci vivi o ci viaggi soltanto? Ciao. Matteo.

  5. Ciao Matteo! Beh, io viaggio grezzo, quindi come te, mi par di avere capito, evito al massimo luoghi e situazioni più turistiche… quindi condivido quanto scrivi di Halong. Il vantaggio di Lan Ha, a parte il bel soggiorno sull’isola di Cat Ba (da fare rigorosamente NON in piena estate, per evitare la massa), è che la si visita su piccole imbarcazioni, ed è molto più vicina in tutti i sensi. Ogni cosa la si vede da vicino, e non da centinaia di metri di distanza… Nonostante abbia girato abbastanza l’America latina e ci abbia vissuto per un periodo, in Vietnam ci sono stato spesso e me ne sono innamorato subito, e dal prossimo anno ci organizzo dei tour fotografici!

    • Che bello! Come avrai capito dal mio blog, vai a toccare un tasto molto molto sensibile 🙂 Credo verro’ allora a bussare alle tue porte, anche e soprattutto per il sud america che è ormai da un paio d’anni in cima alle mie preferenze ma per questioni di budget (ma quanto costano i voli?) ho sempre rimandato…

      • volentieri se posso esserti utile! Eh, i voli ti consiglio di verificarli da Madrid. Barcellona ha tasse aeroportuali più alte. Dalla spagna è più facile trovare voli meno costosi, dato che, anche se sulla carta non è più così, nella realtà l’america latina soffre ancora della colonizzazione. Per dirla in altre parole, la spagna gode di un canale preferenziale/monopolio economico su questa parte del mondo. Quindi, low cost fino a madrid, e da qui volo intercontinentale. 😉

      • La Bolivia, oltre essere stupenda, è anche molto economica (e meno turistica di tanti altri paesi sudamericani). Magari ci sono meno voli (e quindi anche meno economici) ma considera che una volta lì, la vita costa molto poco.

      • Consideratissima 😀 era in abbinata con il Perù….mi sai dire se è fattibile (o cmq raggiungibile) il Salar di Uyuni in inverno? ho visto che i voli costano molto meno, basta spostare il ritorno 3 o 4 giorni dopo l’epifania…

      • in inverno (intendo il LORO inverno) è molto meglio, dato che il salar è asciutto e non piove. Diversamente, risulterebbe allagato e magari con problemi di spostamento. Se vai, ti consiglio di recarti a Tupiza per il tour. Già il villaggio di per sé è interessante (puoi andare a cavallo a visitare delle formazioni rocciose spettacolari), e il tour per Uyuni da qui è molto meno turistico. Eviterai di arrivare in massa insieme a 20 fuoristrada nelle varie tappe, cosa che accade se parti da Uyuni…

  6. Io sono davvero tentata di saltarla per dedicarmi ad altro in Vietnam e questo tuo resoconto fa pendere la mia bilancia verso un secco no… Ma sono ancora in una fase organizzativa embrionale, vederemo…

    • Io sono dell’opinione che certi luoghi, per quanto ormai purtroppo un po’ sputtanati, siano quasi d’obbligo la prima volta. Detto questo, i miei ricordi del Vietnam sono legati a ben altri luoghi che non la Baia 😛 Sono sicuro che in Vietnam tornerai anche una seconda volta… magari te la lasci per la seconda 😉 Grazie mille per i complimenti! Matteo

      • Ora stavo leggendo gli altri tuoi post sul vietnam, mi sono scoraggiando un po’…. Meglio virare su altre mede in zona? La mia idea era fare Vietnam, Cambogia (solo Angor Wat) e poi Thailandia nel nord…

      • potrei averne molto, ma diciamo sicuro un mese e mezzo, se riesco a risparmiare come spero almeno due… Così per cominciare!

      • Niente male! 🙂 Allora qua dipende da come ami viaggiare te! Secondo me in 2 mesi potresti farti Vietnam e Cambogia come si deve e dedicare alla Thai del nord un altro viaggio, magari da abbinare a Laos o Birmania se non li hai ancora fatti…

      • Di quella zona mi manca praticamente tutto…. (Ho visto solo Malesia, India e Cina). Vorrei riuscire ad approfittare di questo tempo per vedere il più possibile. Sicuramente la Birmania è nella mia lista… Vedremo! Appena avrò il biglietto aereo di andata tornerò sicuramente a chiederti consigli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...