Bac Ha


Translate this post HERE

Di passaggio da DaNang, giusto il tempo per assaggiare la specialità locale, il Mi Quang (una versione rivista e corretta del Cao Lau di Hoi An), che voliamo ad Hanoi dove arriviamo in mattinata avendo così la giornata a disposizione in attesa del treno notturno che ci condurrà a Sapa. L’aeroporto di Hanoi è piuttosto distante dal centro città (circa 30km) ed ovviamente i prezzi dei mezzi per raggiungere la città lievitano (un taxi dai 12 ai 18 euro), decidiamo quindi, avendo tempo a disposizione, di usare i mezzi pubblici. Appena fuori dall’aeroporto prendiamo il bus n.7 e scendiamo al capolinea; da qui, per raggiungere la stazione, prendete il n.22 o il n.32, entrambi, dopo 3 fermate vi lasceranno a circa 500m da questa. Arrivate con un buon anticipo in stazione (almeno 1 ora) perchè, per i treni che vanno a Lao Cai (la stazione più vicina a Sapa), esiste una strana procedura di riconferma del biglietto prima della partenza. Se non avete i giorni contati vi consiglierei anche di provare l’acquisto del biglietto direttamente in stazione, noi per il ritorno abbiamo fatto così, pagandolo quasi la metà (20euro per cabina 4 letti) di quanto fatto acquistandolo con anticipo dall’italia e la disponibilità era ancora abbondante.

Abbiamo organizzato il viaggio in modo di arrivare a Lao Cai la domenica mattina presto ed avere così la possibilità di visitare il mercato settimanale di Bac Ha , una cittadina a circa 70km est dalla stazione dei treni. Stringiamo amicizia con una coppia francese ed insieme contrattiamo per un mini van che ci porti a Bac Ha, aspetti la nostra visita del mercato e ci porti poi a Sapa; chiudiamo a 300000VND a testa (circa 11 euro), prezzo ottimo considerando il pulmino tutto per noi, i 170km circa da percorrere ed il fatto che una semplice corsa Lao Cai- Sapa in bus costa circa 3$.

Arriviamo a Bac Ha alle 7.30, orario perfetto se avete intenzione di camminare in santa pace senza troppi turisti, dalle 9.30 in poi il mercato è preso d’assalto, decine di pulman arrivano nella piccola cittadina e, nonostante il mercato sia abbastanza ampio, la presenza dei troppi turisti si fa sentire.

Nel mercato si vende tutto ma, alle mie orecchie, era tristemente famoso per la vendita di carne di cane… per fortuna non ne abbiamo vista di macellata, anche se, nel settore degli animali vivi, erano molti i cuccioli in vendita; in cuore tuo speri siano da compagnia ma il fastidio che provi camminando li in mezzo, probabilmente, ti dice che la fine sarà tutt’altra.

Annunci

19 risposte a “Bac Ha

    • Giravo per i banchi della carne con sentimenti contrastanti: pregavo Dio di non vedere ma allo stesso tempo, forse, qualcosa dentro di me sperava che accadesse. E’ forse il motivo per cui si viaggia, l’incontro e lo scontro con culture diverse…. a volte hai bjavascript:void(0)isogno che questa diversità ti venga sbattuta in faccia

  1. Le immagini sono splendide, perché hai colto le persone al naturale. Mi soffermo su questa parte, perche le parole sono state quelle sufficienti per descrivere il viaggio senza altre analisi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...