Merzouga


_DSC6708190

Translate this Post here

Non ho mai subito più di tanto il fascino del deserto, fino ad oggi ne avevo visitato uno soltanto (il Thar Desert tra India e Pakistan) senza che lasciasse in me segno alcuno, arrivato ai piedi delle dune di Erg Chebbi ti rendi però conto che questa volta sarà diverso e che probabilmente non sai neanche cosa voglia dire la parola deserto. Alle 6 suona la sveglia nel campo tendato (non che ce ne fosse bisogno visto il poco sonno dovuto dal freddo della nottata) e ci dirigiamo sulle dune per ammirare l’alba. Un’abbondante colazione ed alle 7 il gruppo, di ritorno a Marrakech, ci abbandona alle porte di Merzouga, qua inizia il nostro viaggio.
Merzouga non è altro che un piccolo gruppo di case tagliate da 2 strade, una che dal deserto corre verso Rissani ed una dove turisti si possono rifornire di cibo nei pochi negozi a disposizione.
La prima cosa che facciamo è cercare l’ufficio della Supratours in modo da capire da dove partiremo la sera con l’autobus notturno per Fes. Ovviamente essendoci 2 strade in croce (nel senso letterario della parola) non trovarlo è impossibile; la sorpresa è che funziona anche molto bene, è aperto dalle 7.30 in poi con pausa dalle 13.30 alle 15.30. Noi avevamo giа fatto i biglietti a Marrakech temendo di poter restare a piedi ma la disponibilità era ancora ampia, vi consiglio di farli comunque appena possibile perchè dalle 17 in poi l’ufficio è preso d’assalto ed i posti sono una 60ina. Il biglietto per Fes ha un costo di 180dh ai quali vanno aggiunti 5dh se avete un qualsiasi bagaglio, in compenso potrete lasciare i vostri zaini nell’ufficio Supratours e godervi la giornata senza nessuna zavorra.
Non mi dilungherò a parlare della giornata sulle dune, anche perchè non è successo praticamente niente. Sensazioni, un concentrato di sensazioni. Il silenzio, il vento, il sole che ti brucia la pelle, la sabbia che ti sbatte in faccia…tutte cose difficili anche solo da immaginare fino a quando non le si provano. In mezzo a quel niente ti rendi conto di essere nel posto giusto. La grandezza infinita della natura che ti fa venir voglia di gridare per dire che ci sei anche tu, solo l’Himalaya mi aveva dato le stesse emozioni.
L’autobus per Fes parte alle 19, un buon posto per l’attesa è il bar adiacente l’ufficio Supratours.
The’ alla menta, wifi e toilet, 6dh spesi benissimo. Per una cena veloce prima della partenza invece   vi consiglio il ristorante MacAdil (proprietario simpaticissimo e cortese) lo riconoscerete senza problemi dal logo (una M gialla) copiato ad una catena di fast-food leggermente più famosa.
La partenza del pullman è puntuale ed il mezzo nuovo e confortevole (come tutti quelli usati fino ad ora in Marocco), la guida dell’autista invece molto meno: un continuo slalom tra biciclette senza fari in strade troppo strette, abbaglianti e clacson, se avete la sfortuna come me di essere nelle prime file, prendetevi dei tranquillanti perchè dormire sarà dura! A conferma di quanto detto, tra lo stupore di tutti, l’arrivo a Fes è alle 3 di notte invece che alle 5.30 come da tabella di marcia, non credo ci sia bisogno di aggiungere altro!
Il mio suggerimento, per chi dovesse ripercorrere queste strade, è di prendersi almeno un giorno in più di quanto io abbia fatto e fermarsi almeno 2 notti, una a Merzouga e magari una a Rissani, cittadina a una decina di chilometri da Merzouga ma molto più grande e attiva, servita anch’essa dalla Supratours, la partenza da Rissani è alle 19.30 circa.
Altre foto del Sahara, qua

Annunci

8 risposte a “Merzouga

  1. che bello! quando poi ti rendi conto che durante il viaggio tutto “fila liscio” senza intoppi .. che sensazione di libertà! Bellissime le foto anche. – Cris

    • E’ proprio vero, qualcosa che cambiresti al rientro c’e’ sempre ma poi ti rendi conto che anche le cose andate storte, alla fine, sono quelle che ricorderai con il sorriso piu’ grande! 🙂 nel cas specifico del deserto invece, tutto è filto davvero liscio e consiglio a tutti di passarci del tempo, è rigenerante!

  2. Il Marocco… un altro posto dove mi piacerebbe molto andare. Ma mi fa molta paura… voglio dire: se vai con il classico tour operator finisci per sorbirti giri che non ti interessano, con compagni di viaggio che possono rivelarsi un incubo (e tu per loro, chiaramente… de gustibus….). Se invece si ricorre al fai da te, ho paura che qualcosa possa andare storto e di non riuscire ad organizzare un bel giro. Sprecare 15 giorni e una bella opportunità.
    Cosa ne dici?

    • assolutamente fai da te. ovviamente io parlo per il giro che ho fatto, tutti i mezzi pubblici funzionano molto bene, sia bus che treni, le persone sono molto accoglienti e cortesi (ovviamente basta essere un po’ svegli per quanto riguarda le false guide). se guardi nel forum ho pubblicato il giro che abbiamo fatto noi e nei prossimi giorni continuero’ a pubblicare citta’ per citta’, secondo me non devi aver paura, sono moooolto piu’ organizzati di quanto nn si creda!

  3. “….Sensazioni, un concentrato di sensazioni. Il silenzio, il vento, il sole che ti brucia la pelle, la sabbia che ti sbatte in faccia…tutte cose difficili anche solo da immaginare fino a quando non le si provano. In mezzo a quel niente ti rendi conto di essere nel posto giusto. …” stò sognando.

    • E’ stato forse il posto che più mi ha lasciato a bocca aperta. Ti rendi conto di essere in mezzo a qualcosa di incredibile ma non riesci a dire niente, forse perchè è qualcosa di troppo grande per poterlo descrivere a parole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...